AVVISO AI VISITATORI

Attenzione, si avvisano i gentili visitatori che d sabato 24 ottobre la Riserva riaprirà al pubblico il solo Sentiero Paleontologico.

Si ricorda inoltre che, entrando in vigore l’ora solare, la Riserva chiuderà alle 17, pertanto l’ultimo accesso dovrà avvenire entro le ore 14,45.

Piano di Gestione Forestale

Il Piano di Gestione Forestale della Riserva Naturale Statale Cratere degli Astroni rappresenta il primo documento di pianificazione per la gestione decennale dei beni forestali e viene redatto a supporto del piano di gestione in corso di approvazione. Esso intende fornire un orientamento alla promozione della gestione forestale attiva, compatibilmente con le necessità di conservazione e le attività didattiche-ricreative e naturalistiche. Gli interventi programmati non hanno nessun fine produttivo ma determinati dalla necessità di porre in sicurezza la sentieristica interna alla Riserva dalla caduta di alberi in pessime condizioni vegetative e di stabilità, di recuperare alcuni sentieri non più percorribili senza alterarne le caratteristiche, di sistemare, mediante tecniche a basso impatto (interventi di ingegneria naturalistica e piccoli interventi di regimentazione idraulica) aree interessate dai fenomeni di instabilità, di avviare interventi di ripristino e manutenzione della viabilità e delle altre infrastrutture esistenti (edifici storici, muro perimetrale ed altre strutture), di attivare azioni finalizzati alla didattica ed alla ricerca scientifica. Gli interventi selvicolturali programmati sono necessari anche al ripristino funzionale delle formazioni forestali danneggiate dal vasto incendio verificatosi nei giorni tra il 14 luglio e il 3 settembre 2017.

Apertura straordinaria per il mese di agosto

Si avvisano i gentili visitatori che per tutto il mese di agosto la Riserva chiuderà alle ore 20,00 e sarà possibile accedere fino alle ore 18,00.

Si ricorda che al fine di contrastare il contagio da Sars-Cov-2 è obbligatoria la prenotazione on line per tutti i visitatori, compresi coloro che accedono senza visita guidata. Tutti i visitatori sono tenuti inoltre ad osservare le prescrizioni indicate nelle “DISPOSIZIONI E NORME PER IL CONTRASTO AL CONTAGIO DA SARS-COV-2 PER L’ACCESSO E LA PERMANENZA IN OASI”

Predazione di uova di testuggini aliene da parte delle volpi native degli Astroni

Una delle principali cause di perdita della biodiversità a livello mondiale è rappresentata dall’immissione illecita di specie aliene negli habitat naturali, le quali possono rappresentare un serio rischio per le specie locali soprattutto in presenza di endemismi o stati di conservazione già precari. Tra queste specie ci sono le Trachemys, testuggini palustri provenienti dal continente americano. Agli Astroni uno studio ha indagato le relazioni di predazione che si sono innescate tra esse e la fauna locale.

Scarica la ricerca di Nardone_et_al_2018

La strada della pandemia

Esiste un legame strettissimo tra le malattie che stanno terrorizzando il Pianeta e le dimensioni epocali della perdita di natura. Molte delle malattie emergenti come Ebola, AIDS, SARS, influenza aviara, influenza suina e il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 (COVID19) non sono catastrofi del tutto casuali, ma sono la conseguenza indiretta del nostro impatto sugli ecosistemi naturali.

Scarica il pannello pipistrello in versione pdf

DISPOSIZIONI E NORME PER IL CONTRASTO AL CONTAGIO DA SARS-COV-2 PER L’ACCESSO E LA PERMANENZA IN OASI

Dal 4 luglio sarà di nuovo possibile visitare la Riserva Naturale Oasi WWF Cratere degli Astroni e la mostra “Dinosauri in carne e ossa”. Al fine di contrastare il contagio da Sars-Cov-2, la Riserva ha riorganizzato attività e percorsi con l’obiettivo di garantire il distanziamento sociale, pertanto fino a diversa comunicazione i visitatori saranno tenuti ad osservare le seguenti prescrizioni:

  • si accede solo su prenotazione compilando il form on line. Le informazioni raccolte saranno conservate per i 14 giorni consecutivi alla prenotazione. Per eventuali dubbi o richieste è possibile utilizzare i contatti dell’Oasi;
  • I visitatori sono tenuti a comunicare al personale dell’Oasi eventuali cambiamenti di salute o contatti con casi sospetti/probabili/confermati di Covid-19 nei 14 giorni precedenti alla data di prenotazione;
  • Si accede a scaglioni di 15 minuti;
  • È consentito l’accesso a gruppi di massimo 20 persone alla volta;
  • È obbligatorio l’uso della mascherina;
  • Al fine di non creare assembramento presso la biglietteria si consiglia vivamente l’acquisto dei biglietti on line. Ove non sia possibile acquistare i biglietti on line si consiglia vivamente l’utilizzo del POS;
  • L’accesso è consentito previa compilazione di un form appositamente predisposto ove si dichiara l’assenza di sintomi simil-influenzali o di contatti con casi sospetti/probabili/confermati di Covid-19 negli ultimi 14 giorni;
  • Sono sospesi laboratori e manifestazioni. L’area Picnic potrà essere fruita dai visitatori utilizzando stuoie, teli e Tovaglie personali nel rispetto del distanziamento da altri visitatori già presenti;
  • Le visite guidate si effettuano su prenotazione per gruppi di minimo 10 paganti e massimo 20 persone (bimbi esclusi) indossando la mascherina;
  • È fatto divieto a tutti i visitatori di sostare nel piazzale d’ingresso dell’Oasi;
  • È vietato l’accesso in presenza di febbre o sintomi riconducibili al Covid – 19;
  • È vietato l’accesso a chi sia venuto in contatto con casi sospetti/probabili/confermati di Covid-19 negli ultimi 14 giorni.
  • È fatto obbligo a tutti i visitatori di rispettare la segnaletica esposta in Oasi e le indicazioni del personale della Riserva;

Per tutte le informazioni relative ai costi, ai percorsi, agli orari e ai contatti è possibile consultare la sezione “Info e costi”

Si ringraziano i gentili visitatori per la collaborazione.

AVVISO AI VISITATORI

Gentili visitatori, per effetto delle norme anticontagio da virus Covid-19, durante il periodo di quarantena e fino al 18 maggio c. m., non è stato possibile effettuare le normali operazioni di manutenzione all’interno dell’Oasi. Come sapete la Riserva degli Astroni ospita innumerevoli specie animali, soprattutto uccelli, che in questo periodo sono impegnate nella nidificazione e nell’allevamento delle nidiate e svolgere adesso le suddette operazioni potrebbe arrecare loro disturbo eccessivo mettendo a rischio la nidificazione. Per questo motivo avremo bisogno di più tempo per rendere fruibile l’Oasi continuando a tutelare la natura e resteremo chiusi ancora per qualche giorno.

Tutte le comunicazioni saranno date in tempo reale attraverso il nostro sito internet e la nostra pagina facebook. Continuate a seguirci.