Info e costi

ATTENZIONE

Si avvisa che al fine di contrastare il contagio da Sars-Cov-2, fino a diversa comunicazione è obbligatoria la prenotazione on line per tutti i visitatori, compresi coloro che accedono senza visita guidata. Tutti i visitatori sono tenuti ad osservare le prescrizioni indicate nelle “DISPOSIZIONI E NORME PER IL CONTRASTO AL CONTAGIO DA SARS-COV-2 PER L’ACCESSO E LA PERMANENZA IN OASI”.

GIORNI E ORARI DI APERTURA

La riserva è aperta il sabato, la domenica e i giorni festivi dalle 10 alle 18 quando è in vigore l’ora legale (ultimo ingresso entro le ore 15:40) e dalle 10 alle 17 quando è in vigore l’ora solare (ultimo ingresso entro le ore 14:40). Nel mese di agosto la chiusura è posticipata alle ore 20.

Le visite guidate si svolgono per gruppi di minimo 10 e massimo 15 persone (bambini sotto i 4 anni esclusi) tutti i giorni della settimana con prenotazione da effettuare con almeno 2 giorni di anticipo.

costi

COME ARRIVARE

SIAMO IN VIA AGNANO ASTRONI 468, 80125, NAPOLI

Uscita tangenziale di Agnano (n° 11), alla rotatoria svoltare a destra e proseguire lungo via Agnano agli Astroni, per circa 1,7 Km fino al piazzale di ingresso, civico 468.

Coordinate: 40.84012900218347° N, 14.159119874238968° E

E’ possibile impostare la navigazione di google maps partendo dal widget laterale “Info e orari”

CONTATTI

WhatsApp – 392 323 1220 (solo messaggistica)

Telefono – 081 588 37 20

Fax – 081 588 12 55

e-mail – oasiastroni@wwf.it

Seuici anche su FacebookTwitterYoutubeInstagram

PERCORRIBILITÀ

SENTIERO BORBONICO: un percorso parzialmente scalinato lungo circa 350 m, che parte
dall’ingresso dell’Oasi e con un dislivello di circa 80 m giunge al quadrivio sul fondo del cratere. Da
qui è possibile imboccare il Sentiero Natura o il Sentiero dei Dinosauri.

SENTIERO NATURA: lungo circa 2,5 km, si snoda alla destra del quadrivio e inoltrandosi
all’interno del bosco misto porta alla radura della Farnia secolare Gennarino, alla cava trachitica, al
teatro nel bosco e infine nuovamente al quadrivio, dove è possibile imboccare il Sentiero dei
Dinosauri o uscire ripercorrendo il Sentiero Borbonico.

SENTIERO DEI DINOSAURI: lungo circa 3,3 km, si snoda alla sinistra del quadrivio e costeggia il
lago Grande e la Grande Radura, ove è ubicata l’area di sosta principale. Si sviluppa in modo
pressoché pianeggiante fino all’inizio della risalita, che riporta all’ingresso dell’Oasi attraverso una
strada asfaltata di 1,7 km.

Nel caso si voglia percorrere l’intero itinerario, è fortemente consigliato imboccare prima il Sentiero
Natura e poi il Sentiero dei Dinosauri.

Il livello di difficoltà è del tipo ESCURSIONISTICO (classificazione CAI), il percorso è sconsigliato
alle persone con ridotta capacità motoria. Eventuali passeggini vanno tenuti chiusi e portati a
braccio lungo il Sentiero Borbonico e possono essere riaperti una vota arrivati al quadrivio.
Lungo i sentieri il personale itinerante è a sua disposizione per informazioni e assistenza.

CONSIGLI, RACCOMANDAZIONI e divieti

È vivamente consigliato indossare pantaloni lunghi e scarpe chiuse da escursione/ginnastica e di munirsi
di repellente per zanzare nelle giornate con maggiore umidità;

All’interno dell’Oasi non vi sono bar o punti di ristoro, pertanto è necessario portare con sé tutto quanto necessita per la permanenza, soprattutto acqua. Borracce e bottiglie possono essere riempite presso la fontana pubblica posta sul piazzale di ingresso.

È consigliato portare binocolo e fotocamera per osservare più facilmente la fauna selvatica;

All’interno dell’Oasi è possibile gettare i rifiuti solo ed esclusivamente presso le isole ecologiche poste sul piazzale d’ingresso e presso le due aree picnic (una sul Sentiero dei Dinosauri ed una sul Sentiero Natura). È necessario separare i rifiuti prima di depositarli. Eventuali mascherine e guanti andranno smaltiti nei rifiuti indifferenziati (contenitore grigio);

È vietato uscire dai sentieri segnalati e trasgredire le indicazioni dei cartelli e del personale;

È vietato accendere fuochi di qualsiasi genere ed è vivamente raccomandato comunicare tempestivamente al personale dell’Oasi l’avvistamento di fumo o fiamme;

Le persone a ridotta capacità motoria o sofferenti di patologie cardiache e i genitori con carrozzine e passeggini da città possono utilizzare la strada asfaltata anche per la discesa ma tale opzione comporta un notevole allungamento del percorso.

All’interno dell’Oasi non è possibile utilizzare il pallone e la bicicletta.

Tutti i visitatori sono tenuti ad osservare le prescrizioni indicate nelle “DISPOSIZIONI E NORME PER IL CONTRASTO AL CONTAGIO DA SARS-COV-2 PER L’ACCESSO E LA PERMANENZA IN OASI”.

servizi

All’interno della Riserva non sono presenti punti di ristoro, è possibile consumare un pranzo al sacco fruendo delle due aree di sosta dotate di tavoli e panchine ma è necessario portare tutto già pronto da casa. Non è possibile prenotare i tavoli presso le aree di sosta.

I servizi igienici e la fontana dell’acqua sono localizzati all’ingresso della Riserva. Sul fondo del cratere sono ubicati due bagni chimici, uno lungo il Sentiero dei Dinosauri, in prossimità della Grande Radura, ed uno lungo il Sentiero Natura, in prossimità della vecchia Farnia secolare Gennarino.

accesso ai cani

Per non arrecare disturbo alla fauna selvatica locale i cani sono ammessi solo ed esclusivamente al guinzaglio e nel rispetto del codice di comportamento ai sensi dell’art. 10 del Regolamento di gestione della Riserva Naturale Cratere degli Astroni:

  • Ai cani muniti di guinzaglio estensibile (di lunghezza non superiore a 1,50 metri) o non estensibile e museruola (da applicare al cane all’occorrenza, cioè in caso di rischio per l’incolumità delle persone o di altri animali oppure su richiesta del personale della Riserva) accompagnati dal proprietario o da altro detentore è consentito l’accesso ai sentieri e alle aree aperte al pubblico.
  • E’ vietato l’accesso ai cani alle aree destinate e attrezzate ad aree giochi per bambini.
  • I cani, per i bisogni fisiologici, devono essere condotti negli spazi di terra in prossimità di alberi. In ogni caso i proprietari o i detentori sono tenuti alla raccolta delle feci emesse dai loro animali, in modo tale da evitare l’insudiciamento dei sentieri e delle loro pertinenze.
  • A tal fine gli accompagnatori dei cani debbono essere muniti di palette ecologiche o altra attrezzatura idonea all’asportazione delle deiezioni. Sono esentati i non vedenti accompagnati da cani guida e particolari categorie di portatori di handicap impossibilitati alla effettuazione della raccolta delle feci.
  • Non è ammesso lasciar defecare i cani nel raggio di metri cento dalle aree attrezzate per il gioco dei bambini.

mappa

Scarica e stampa la Mappa dell’Oasi e portala con te durante la visita per scoprire sentieri e punti di interesse.